Lazio Social Housing: firmato il protocollo di intesa tra Comune di Monterotondo e l’Ater della Provincia di Roma per la realizzazione di alloggi sociali | Ater Provincia di Roma
1132
post-template-default,single,single-post,postid-1132,single-format-standard,bridge-core-1.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive
 

Lazio Social Housing: firmato il protocollo di intesa tra Comune di Monterotondo e l’Ater della Provincia di Roma per la realizzazione di alloggi sociali

Lazio Social Housing: firmato il protocollo di intesa tra Comune di Monterotondo e l’Ater della Provincia di Roma per la realizzazione di alloggi sociali

Presso la sede municipale del Comune di Monterotondo il Sindaco dott. Muro Alessandri ed il Commissario Straordinario dell’Ater della Provincia di Roma dott. Leonardo F. Nucara, hanno firmato il protocollo di intesa per avviare la realizzazione di un Programma di Social Housing finalizzato ad incrementare l’offerta di Alloggi Sociali da destinare alla locazione a canone calmierato, in locazione permanente a 25 anni e in locazione con patto di futura vendita.

In attuazione del “Piano straordinario per l’Emergenza Abitativa” – di cui alla Delibera della Giunta Regionale n.18 del 15 gennaio 2014. – ed al fine di fornire una risposta al disagio abitativo della popolazione residente nel Comune di Monterotondo, le due amministrazioni hanno deciso di procedere individuando le aree nell’ambito del territorio comunale dove poter localizzare gli interventi, ed un percorso amministrativo che consenta di conseguire questo obiettivo.

Il dott. Nucara ha dichiarato “il Programma di Social Housing che verrà realizzato nel Comune di Monterotondo ha come obiettivo la creazione di un contesto abitativo e sociale dignitoso all’interno del quale sia possibile non solo accedere ad un alloggio ed a servizi adeguati, ma anche instaurare relazioni umane ricche e significative. Il presupposto è un nuovo approccio integrato che possa considerare sia gli aspetti immobiliari che gli aspetti sociali dell’insieme dei servizi legati “all’abitare”. L’innovativo progetto immobiliare sarà affiancato da programmi di accompagnamento e di facilitazione alla convivenza al fine di raggiungere due scopi strettamente correlati: rispondere al fabbisogno abitativo e rafforzare l’identità delle comunità locali”.