VI – Ambiente, lavori pubblici, mobilità, politiche della casa e urbanistica CASA, AL VIA AUDIZIONI SU RIORDINO ATER | Ater Provincia di Roma
1610
post-template-default,single,single-post,postid-1610,single-format-standard,bridge-core-1.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive
 

VI – Ambiente, lavori pubblici, mobilità, politiche della casa e urbanistica CASA, AL VIA AUDIZIONI SU RIORDINO ATER

VI – Ambiente, lavori pubblici, mobilità, politiche della casa e urbanistica CASA, AL VIA AUDIZIONI SU RIORDINO ATER

 
13/07/15 – Si sono svolte oggi le audizioni sulla proposta di riorganizzazione dell’Ater che, in sintesi, riduce il numero delle aziende, passando dalle sette attuali, a una sola, l’Areps, che avrà il compito di gestire l’edilizia residenziale pubblica e l’housing sociale. 
Le prime ad essere ascoltate in commissione Politiche della casa, presieduta da Enrico Panunzi, sono state le organizzazioni degli inquilini che hanno espresso molti dubbi sulla reale necessità di questo accorpamento che “allontana l’azienda dai territori”, mentre servirebbe una “profonda riforma della legge che disciplina le funzioni amministrative in materia di edilizia pubblica”.
Nel pomeriggio le audizioni sono riprese con l’intervento dei commissari delle Ater, i quali hanno ricordato di aver elaborato una proposta di riorganizzazione di cui parti importanti sono state accolte dall’assessore Fabio Refrigeri nella proposta in discussione. Nei loro interventi anche i commissari hanno sottolineato l’esigenza di una riforma complessiva. Nella proposta elaborata da loro, le Ater venivano ridotte a tre: Roma, Lazio sud e Lazio nord.
La giornata è stata conclusa da una terza serie di audizioni con le organizzazioni sindacali dei lavoratori che hanno centrato l’attenzione sugli aspetti dell’applicazione del contratto di lavoro nella nuova Areps e sull’eventualità di esuberi fra i dipendenti, così come previsto dalla legge.
A cura dell’Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio